Recensione: prodotti Red Grass Games per la pittura

Non dipingo tanto, ma dipingo da tanti anni (con risultati moderatamente apprezzabili). Fino a poco tempo fa, per comodità, mi rifornivo esclusivamente nei negozi Games Workshop. Da un po’ di tempo a questa parte, invece, tra un Kickstarter e una visita a negozi specializzati nell’hobby in genere, la gamma di prodotti che ho testato inizia a essere più variegata. Oggi vi voglio parlare di un paio di prodotti che ho preso da una ditta francese, la Red Grass Games, cominciando con il loro KS sulla everlasting wet palette, uno strumento che è ormai diventato per me essenziale. Si tratta di un sistema grazie al quale il colore viene depositato su un foglio appoggiato su una spugna umidificata. Grazie alle proprietà del foglio e all’umidificazione della spugna, il colore, sostanzialmente, non secca. Non solo. Resta diluito secondo necessità. È facilmente intuibile come un sistema del genere consenta di giocare in maniera estremanente semplice con le sfumature e le lumeggiature. Io ne sono entusiasta.

Dopo svariate settimane di utilizzo intenso, posso darvi il mio parere sia sulla wet palette che sui pennelli della RGG.

Comincio dalla wet palette. Il prodotto, di suo, è fatto molto bene. Qualità decisamente buona e design gradevole e funzionale.

L’assemblaggio è molto semplice. Una volta aperta la scatola, si inserisce la spugna che poi deve essere umidificata, senza che il livello dell’acqua superi l’altezza della stessa. Sopra la spugna viene quindi steso il foglio di carta che va allisciato manualmente fino a far sparire le bolle d’aria che si creano regolamente in questa fase del processo.

A questo punto è sufficiente versare il colore sul foglio e iniziare a dipingere!

Il colore resta utilizzabile per giorni ed il livello di diluizione rende lo stesso processo pittorico molto più semplice di quanto abbia sperimentato con altre palette più o meno artigianali. La scatola, in plastica rigida, può essere mantenuta chiusa grazie alla fascia elastica in dotazione. Attenzione, perché la chiusura non è ermetica, quindi se si è ecceduto nel versare l’acqua e poi si sottopone la palette ad eccessive scosse nel trasporto, il liquido fuoriesce.

Il supporto esterno (bianco) per pennelli o altro è dotato di magneti per farlo aderire sia sul lato corto che sul lato lungo.

Veniamo ora al secondo prodotto della RGG che sto utilizzando: i pennelli.

Il messaggio “pubblicitario” della RGG è molto semplice: “ne produciamo solo in due dimensioni, perché avrete bisogno unicamente di questi due”. E nient’altro.
Su questo aspetto ero un po’ dubbioso. E mi sono dovuto ricredere. Effettivamente, da settimane ormai, uso solo quei due per dipingere. I pennelli GW mi servono solo per prendere il colore dalla boccetta e metterlo sulla wet palette… lol

Ovviamente non i pennelli GW mi servono anche quando debbo dipingere a pennello asciutto…

Per chiudere, un paio di esempi di lavori conclusi utilizzando il materiale RGG.

Concludendo: sono estremamente soddisfatto degli acquisti e, a questo punto, aspetto con impazienza il frutto del loro ultimo KS: il 360° handle che è in fase di produzione di massa e quindi dovrebbe essere spedito a breve. Nell’occasione, mi sono anche comprato altri due pennelli.

Tornerò a parlarne quando lo avrò ricevuto e provato. Buona pittura a tutti.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

QR Code Business Card